Ricetta da copiare: pesce spada al pepe rosa con cipolle rosse di Tropea

Tropea, Calabria, Italia

Tropea, Calabria, Italia (Photo credit: Wikipedia)

Cliff at Tropea.

Cliff at Tropea. (Photo credit: Wikipedia)

Tropea

Tropea (Photo credit: Wikipedia)

Pesce spada al pepe rosa e cipolle di tropea

Ecco che cosa ho preparato due sere fa…volevo troppo provare il pepe rosa acquistato su una bancarella in Campo dei Fiori durante la nostra gita a Roma, e allora….voilà 

PESCE SPADA AL PEPE ROSA & CIPOLLE DI TROPEA

 4 fette di pesce spada fresco piuttosto grosse
 olio extra vergine di oliva
 una cipolla (preferibilmente Tropea perché il suo gusto dolce si “scontra” piacevolmente con il pesce spada
 pepe rosa secco
 rosmarino
 vino bianco
 sale, prezzemolo tritato.

PREPARAZIONE 

Disporre le fette di pesce spada in una teglia unta e salare; a parte tagliare
la cipolla molto sottile e condire con sale ed olio, disporre sopra le fette di pesce, cospargere di pepe rosa, aromatizzare con rosmarino, e bagnare con vino bianco. Coprire con un foglio di stagnola senza sigillare e cuocere in forno a 180 gradi per 45 minuti circa; togliendo la stagnola negli ultimi 10 minuti di cottura per far asciugare bene il pesce.
Decorare con prezzemolo tritato e servire.

Il piatto è semplice, veloce, leggero e gustoso!

Qui sotto inserirò le mie foto e le annotazioni che ho preso durante la preparazione del piatto. La sto preparando per stasera….

Adoro Tropea – ci sono stata qualche anno fa – quindi qualche foto in onore delle cipolle ci voleva e comunque se anche non pescano il pesce spada, è pur sempre una cittadina in riva al mare.

La ricetta così com’è non era rifacibile perché in totale disordine. Rimettiamola in ordine come si deve e poi allegherò anche le foto della preparazione che ho già scattato ma che si trovano ancora nella mia macchina fotografica digitale.

Disponete le fette di pesce spada su un piatto di portata e conditetele con olio d’oliva e sale. Subito dopo tagliate la cipolla molto sottile e disponetela su una teglia da forno dopo che vi avrete disposto un foglio di stagnola sotto, salate e condite con dell’olio sempre rigorosamente d’olio extravergine d’oliva (almeno per i miei gusti). Sopra lo strato di cipolla condita ponete le fette di pesce spada che cospargerete di pepe rosa in chicchi interi -che io ho trovato solo in salamoia- (qualche chicco vi consiglio di metterlo su un tagliere di legno e stando attenti che non scappino, pestatele per bene con un batticarne liscio sotto) e poi seguite la ricetta come sopra.

Nel frattempo pelate delle patate, lavatele sotto l’acqua corrente. Tagliatele poi in 2 per il lungo e poi a loro volta in 4 seguendo sempre il lato più lungo. Avrete così delle fette quasi a sigaretta. Mentre il pesce cuoce preparate la friggitrice. Oppure prendete una pentola alta la riempite con 1 o 2 bottiglie di olio Friol e cominciate a scaldarlo bene. Poi buttate giù una parte delle patate preparate tagliate e ben asciutte. Tiratele su quando sono ben dorate e riponetele in una ciotola nel quale avrete riposto un doppio strato di carta assorbente da cucina. Va bene il fritto…ma che non sia unto. E procedete fino a ultimazione delle patate, salatele solo alla fine senza esagerare.

A volte ci si rende conto di aver preparato un piatto con troppo ritardo rispetto alla tabella di marcia. Potete benissimo portarvi avanti per il pasto successivo o il giorno dopo. Bene, se si tratta di pesce o di carne (ed in particolare di prodotto scongelato), cuocetelo almeno fino a metà della cottura prevista e poi, una volta raffreddato, mettetelo in frigo con tutta la teglia. Per le patate invece potete lasciarle crude in una insalatiera, completamente coperte da acqua fredda, così non diventano nere. Poi ovviamente le dovrete asciugare molto bene prima di passarle alla friggitrice. Il giorno seguente procederete al cottura o al suo completamento. Nessuno si accorgerà della differenza.

Dopo la cottura in forno a 180 gradi per 45 minuti circa; togliendo la stagnola negli ultimi 10 minuti di cottura per far asciugare bene il pesce. Decorare con prezzemolo tritato fresco e servire.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in copiata da altri, estiva, secondi piatti, secondi piatti di pesce e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere. Prova anche a chiedere consigli alla nostra nuova comunità nel Forum. I commenti verranno aggiornati ogni 48 ore circa.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...