Anedra in umido

” Ad Anna Tamanini la sua Anedra in umido; Trento 15/dicembre/ 1891″ – tratto da http://itacanelcuore-annamaria.blogspot.it/

Una grande libreria tibetana, piena di libri di cucina è un po’ come un grande baule di noce o d’abete consegnato a mo di dote nuziale alle giovani spose di un tempo.

Certo non sono testi antichi, ma ironia della sorte, nascondono a volte nel loro interno, vecchi manoscritti.

E allora mi sento come una sposa appena diventata, che assieme al corredo, alla veste nuziale, alla candela benedetta, scopre nella vecchia cassa, ricette di cucina di secoli di vita.

Questa è la storia che vi vado a raccontare.

Tutto ha inizio venerdì pomeriggio, quando usciamo dal nostro macellaio di fiducia, con una bella anatra “ sottobraccio “.

“ Come la facciamo,come non la facciamo ?……….”.

Il vecchio baule

Tappa d’obbligo la grande libreria di cui sopra.

Apro, sfoglio, chiudo e sfoglio testi di continuo fino a quando non mi imbatto in uno dal titolo

La casa dell’anitra

L’anitra trentina

  “ Il Bauer, cucina, tradizioni, ricette della cucina trentina“. Adesso che ricordo è un libro che ho comprato diversi anni fa, meta i mercatini natalizi.

Di primo acchito dà l’idea di una semplice raccolta di ricette, ma invece non ha niente a che spartire con tutto ciò.

La mia curiosità si fa più viva quando scopro una sezione dedicata a 12 menù.

Ma non sono menù tanto per dire, sono interi pasti ricavati da un antico ricettario del 1800 di Anna Tamanini.

Penso che sicuramente si deve trattare di una famosa cuoca dell’epoca, per essere riportata così ampiamente nel Bauer, soprannominato “ l’Artusi della cucina trentina “.

Ma……. Rimango di stucco,  quando dopo un in giorno intero di ricerca su internet ottengo risultati 0.

Niente da fare, questa Anna Tamanini sembra essere stata rispolverata dai coniugi Bauer per poi scomparire di nuovo.

Dovete sapere che Carlo Alberto e Anna Lucia Bauer avevano iniziato nel 1966 un grande lavoro di ricerca sulle ricette della cucina trentina. Le loro scoperte apparivano ogni settimana, sul quotidiano “ L’Adige di Trento “.

Il Bauer

Dal quotidiano al libro il passo fu breve. Un passo che dura tuttora, visto che, nonostante la scomparsa degli autori, a oltre 40 anni dalla sua nascita, è giunto alla 5 edizione.

E’ solo nell’edizione del 1980 però,  che compare il repertorio dei 12 menù estratti dal manoscritto ottocentesco di Anna Tamanini.

Sulle fonti del Bauer viene riportato infatti come “ libro di cucina della gastronoma trentina Anna Tamanini manoscritto e datato 15/ dicembre 1891 “.

Le ricette vengono presentate anche durante delle trasmissioni radiofoniche e Anna raggiunge un successo inaspettato in tutte le vallate del trentino.

Purtroppo non sono riuscita a scoprire  qualcosa di più su questa donna arrivata ai giorni nostri attraverso lo scritto delle sue ricette, narrate con semplicità e amore.

Fortunatamente la stesura delle varie preparazioni non è stata modificata. Sue sono le parole, suo quell’incedere elegante e nello stesso tempo chiaro  di stile di scrittura.

Così non potendo approfondire su questa cuoca misteriosa, cerco di scoprire qualcosa di più sui ricettari in genere.

Vengo a sapere allora che, dal medioevo a buona parte del’ottocento, nessuna donna era ritenuta all’altezza di svolgere i lavori di cucina, dove si preparava cibo di un certo livello.

Le pratiche di cucina, comprese le tecniche di cottura e i trucchi del mestiere, vengono riportate da prima oralmente e poi trascritte nei primi ricettari e passate come prezioso bagaglio, da padre a figlio. Pentole e fornelli, un lavoro esclusivamente da maschi.

Alle donne spettava solo il ruolo di “ sguattera “. Poteva solo sbirciare tra pentole varie e  “rubare con l’occhio”.

Questa era la realtà lavorativa di allora, ma a casa le cose cambiavano. Era la donna infatti, ad occuparsi del cibo per tutta la famiglia. Era lei che pensava al modo migliore per sfamare i suoi cari.

A un certo punto però, le cose cominciano a cambiare. I nobili sono costretti a ridurre il numero dei servi e così molte sguattere vengono convertite in cuoche ( il loro salario era inferiore a quello degli uomini ).

La cipolla empita di aromi

Ecco che le donne passano “ di grado “, diventando ottime chef.

Ingredienti poveri si uniscono a cibi ricercati dando vita a una nuova cucina dai sapori più ricchi e veri.

Ora è la donna che inizia a trascrivere il suo sapere. Ricette che faranno parte non solo del mondo dei signori, ma anche della propria famiglia. Ricette che verranno tramandate di generazione in generazione e spesso passate come dote alla propria figlia che si sposa.Ritrovo in queste mie parole un po’ di Anna Tamanini. Si ! è così che la voglio ricordare, come una cuoca ( magari al servizio di signori ) che nel 15/ dicembre del 1891 decide di scrivere le sue ricette per prepararle alla dote della figlia che si sposa.

L’anedra

Brandelli di storie che purtroppo rimarranno ancorate alla fantasia che cerca di rimpiazzare i tasselli mancanti !

L’anedra rosata

E’ vero, alcuni tasselli non ci sono più, ma che importa se rimangono comunque le parole del suo manoscritto.

Pane trito

Voglio lasciare la ricetta così come è, senza cambiare neanche una virgola.

Anedra in cottura

Basterà copiarla, lasciando a voi il compito di interpretazione.

Grazie

Un interpretazione non tanto per la spiegazione della preparazione e cottura della pietanza, quanto invece per il modo di scrivere, dell’esporre i pensieri.

Chissà forse insieme potremmo scoprire qualcosa di più e riportare alla luce l’identità vera di una donna che ancora ci sta parlando a distanza di secoli.

Il mio manoscritto

Ricordando

Un pensiero per te

Uffa !………….ancora fantasia……………ma chissà.

“ Anedra in umido “

……………………………………………………………………………………………………………………………………………

Metti all’interno nell’anedra [ anitra ] dopo averla ben pulita, una cipolla grossa già empita di aromi, poi cuocila in una casseruola con burro, poco lardo e falle acquistare colore rosso.

Indi prendi pane trito e coll’unto dell’anedra fallo friggere dentro una padella.

Poi mettevi tre bicchieri di vino bianco e buono, poche erbe aromatiche e dopo pochi momenti di bollitura getta ogni cosa nella casseruola dell’anedra.

Ma prima getta via tutto l’unto e mettevi brodo se il vino bianco non è bastante, per cuocerla bene avanti di portarla in tavola con un poco di umido dentro.

                                                                                                              Anna Tamanini

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ELENCO COMPLETO DELLE MIE RICETTE, LIBRI PER CUCINA Consigliati, ricetta tipica trentina, secondi piatti, secondi piatti di carne e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere. Prova anche a chiedere consigli alla nostra nuova comunità nel Forum. I commenti verranno aggiornati ogni 48 ore circa.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...