A cosa servono i semi di zucca e come vanno mangiati

tratto da :  http://www.lerboristeria.com/articoli/2007_06.php – Dott.ssa Marina Multineddu
L’ uso dei semi di zucca è anche gradevole, oltre che salutare, poiché hanno un sapore gustoso e possono servire per varie preparazioni, rigorosamente a crudo, per non alterarne le proprietà organolettiche e “curative”. I semi di Zucca infatti sono utilizzati tradizionalmente come cibo, ma anche come rimedio popolare per alcuni disturbi, quali l’infiammazione della prostata e contro i parassiti intestinali.
I principi attivi fondamentali contenuti nei semi di Zucca sono le cucurbitine, i delta steroli, le fitosterine, le globuline vegetali, oltre alle vitamine F ed E, che esercitano un’azione protettrice delle membrane cellulari e antiossidante, specie la vitamina E abbinata al Selenio, che nei semi di Zucca è ben rappresentato.
In particolare la cucurbitina sembra avere un’azione preventiva nei confronti dei disturbi prostatici benigni, oltre ad un’azione antiparassitaria, specie sulla tenia, della quale favorirebbe il distacco dalla parete intestinale, facilitandone così l’eliminazione: anticamente si somministrava una dose massiccia di semi, a cui seguiva una purga per facilitare l’eliminazione del parassita.
Semi di ZuccaDall’osservazione delle popolazioni che utilizzano abitualmente questo alimento, si è notato che in esse i disturbi della prostata incidono in basse percentuali, per cui sono stati effettuati studi specifici per indagare quali sostanze potevano avere una funzione di protezione nei confronti delle patologie prostatiche. I risultati hanno confermato la bontà dell’intuizione popolare: le sperimentazioni hanno accertato che l’uso regolare, quotidiano, dei semi di Zucca favorisce il tono dei muscoli della vescica e rilassa il meccanismo dello sfintere vescicale, con una conseguente regolazione della funzione della minzione, producendo inoltre un apprezzabile decongestionamento della prostata.
Per disturbi a carico della prostata, si possono associare ai semi anche trattamenti fitoterapici, ad esempio con Serenoa, Uva ursina, Ortica, Echinacea. Questo non prescinde naturalmente da eventuali cure mediche che si rendessero necessarie, nel caso di problemi più importanti, potendo però la fitoterapia affiancare le cure con i farmaci di sintesi.
Ai principi attivi contenuti nei semi di Zucca è riconosciuta un’azione preventiva nei confronti di tutti i disturbi dell’apparato urinario, anche femminile, come cistiti, infiammazioni della vescica causate dall’esposizione al freddo, debolezza e irritabilità della vescica, compresa quella di origine nervosa, catarro vescicale, incontinenza, enuresi notturna.
La presenza quotidiana dei semi di Zucca nell’alimentazione può costituire quindi una buona prevenzione, o un trattamento casalingo verso quei disturbi leggeri che possono interessare l’apparato urinario.
Perché quest’azione si possa esplicare, il dosaggio giornaliero raccomandato dovrebbe essere di circa tre cucchiai al giorno di semi crudi, con la raccomandazione che, essendo essi molto ricchi di grassi e quindi piuttosto calorici, bisogna ridurre la quota di altre fonti caloriche, specialmente grassi, nella razione giornaliera di cibo. I grassi contenuti nei semi di Zucca sono comunque ricchi di acidi grassi essenziali monoinsaturi e polinsaturi, quindi di alto valore biologico.

Il consumo dei semi di zucca non ha controindicazioni, naturalmente assunti nella giusta quantità, e si possono mangiare anche se si soffre di diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, gotta, celiachia. 

La cosa migliore sarebbe quella di consumare semi di agricoltura biologica, ma vanno bene anche quelli presi al supermercato come i semi di zucca decorticati della Fuchs J. OHG Privatmuehle di Kastelbell (BZ).

Se invece abiti in campagna e quindi semini anche le zucche, quando le consumi per preparare delle pietanze non buttare via i suoi semi. Dopo averli lavati stendili su una teglia ricoperta da carta da forno, aggiungi un po’ di sale e falli tostare in forno a 180° C fino a quando sono belli croccanti.
In questo modo si possono conservare anche per qualche settimana all’interno di un barattolo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ALIMENTI & SALUTE e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a A cosa servono i semi di zucca e come vanno mangiati

  1. elisabetta ha detto:

    che bella notizia 🙂 da precchi anni,non li mangio piu’,perche’ credevo che la buccia essendo ricoperta da troppo sale,salasse eccessivamente anche il frutto e facesse ingrassare….certo,se li trovassi freschi,sarebbe meglio..grazie per questo post^;^

    Mi piace

    • emilianadefortis ha detto:

      Per chi ha paura di ingrassare e non ha nessuna voglia di sbucciarli, deve solo prenderli decorticati (cioè privi di quella parte non commestibile e posseggono comunque ottime proprietà nutrizionali, quei minerali e quelle vitamine assenti nei loro analoghi lavorati, quindi sono più semplicemente privati della buccia) e mangiarli crudi così, anche senza sale, sono un ottimo spuntino anche davanti alla televisione e non si cede alla tentazione di cioccolata o patatine…. :O))
      oppure prova con un sale dietetico, che dici ? ti aggiungo un post proprio a tale proposito, ciao e grazie per il tuo gentile commento. Emy

      Mi piace

Se hai provato a realizzare questa ricetta aggiungi un tuo commento, se invece preferisci un consiglio prima di realizzarla richiedi qui un parere. Prova anche a chiedere consigli alla nostra nuova comunità nel Forum. I commenti verranno aggiornati ogni 48 ore circa.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...